d
t
m

Immersione ed insegnamento della lingua orientato al contenuto

Sequenze didattiche ed inserzione curricolare alla scuola primaria
Settore: 
Insegnamento e apprendimento delle lingue, valutazione delle competenze linguistiche
Direzione del progetto:

Laurent Gajo, UNIGE

Durata: 
da 08.2016 a 07.2019
Team:

Gabriela Steffen, Ivana Vuksanović, Audrey Freytag (UNIGE)

Stato: 
In corso
Descrizione: 

Questo progetto ambisce a documentare e trattare criticamente le condizioni di implementazione dell’insegnamento bilingue alla scuola primaria, in relazione a due questioni principali:

  • Quali sono gli ingredienti didattici specifici dell’insegnamento bilingue alla scuola primaria, considerando che le frontiere tra le discipline sono porose, ma che generalmente l’insegnamento della prima lingua straniera o seconda comincia in 5º Harmos?
  • Qual è la modalità minima di un insegnamento bilingue? Si tratta di un problema quantitativo (un certo tempo di esposizione alla L2) o di una questione qualitativa (una certa maniera di pensare il curriculum)?

 

Finalità – Risultati attesi: 

Questo progetto conta di produrre due tipi di dati:

  1. Dati di ricerca: estratti e collezioni di fenomeni e di sequenze che illustrino le diverse modalità di lavoro tra lingue e discipline/contenuto in contesti istituzionali e curriculari variabili. Questo tipo di dati permetterà di stimolare il dibattito scientifico attraverso comunicazioni e pubblicazioni in Svizzera e sul piano internazionale.
  2. Dati per la documentazione didattica e la formazione degli insegnanti:
    1. Tipologie di sequenze didattiche presentate come estratti video con la trascrizione in sottotitolo e che includono i supporti didattici utilizzati (manuali, articoli di giornale, schemi, etc.) e le eventuali produzioni scritte degli studenti;
    2. Tipologie di modi d’inserimento curriculare dell’insegnamento bilingue (moduli, sequenze, blocchi (“ilots”), mezze-giornate; inserimento nel programma di lingue o discipline; distribuzione delle lingue tra insegnanti, ecc.).

Tale tipo di dati permetterà di nutrire la riflessione sulla base di pratiche reali mostrate in tutta la loro ricchezza e variazione. Presentati come un repertorio numerico, dovrebbero servire agli insegnanti, ai loro formatori e ai responsabili istituzionali.